Sabato 15 marzo – Seconda ricognizione degli “assi viari veloci”

 Un po’ di appunti sparsi sul lavoro di ieri, corredati dalle foto scattate. La prima mostra il parcheggio adiacente la sede della polizia municipale (con tanto di rastrelliera “buttata là”). Sullo sfondo si vede la pista ciclabile che gira intorno al Forte Prenestino senza dialogare con alcun tratto di rete.

IMG_6895

L’ampiezza delle sede stradale della via Prenestina nel tratto tra viale Palmiro Togliatti e via Valente è tale da consentire l’inserimento di una corsia ciclabile. Il marciapiedi è, al contrario, sottodimensionato ed impraticabile causa ostacoli.

IMG_6896

Cartellone pubblicitario “sapientemente” piazzato al centro esatto del marciapiede in modo da dare il massimo fastidio possibile…

IMG_6898

La condizione dei marciapiedi in questo tratto li rende del tutto infruibili

IMG_6900

Superato il semaforo di via Valente la sosta in prima e seconda fila imbottiglia il traffico su due sole corsie

IMG_6901

La situazione è pressoché analoga per un lungo tratto

IMG_6903

Attraversamento pedonale di via di Portonaccio, sono presenti gli scivoli all’inizio ed alla fine ma mancano nella fascia centrale (!)

IMG_6904

Qui comincia la “pseudociclabile” sul marciapiede, disegnata senza tener conto dei benzinai preesistenti (non risultano sulle mappe?) né dei pali. Rammentiamo ai non ciclisti che la presenza di un palo a filo della sede ciclabile rende buona parte di tale sede “non calpestabile” a causa dell’ingombro dei manubri.

IMG_6905

Qui si segnala la segnaletica verticale impropria (il cartello quadrato non indica una sede ciclabile) e lo scivolo totalmente disassato rispetto al corridoio.

IMG_6906

Accesso al marciapiede di via Bartolomeo Colleoni (questo, in teoria, sarebbe largo a sufficienza…)

IMG_6908

Marciapiede risibile del tratto Colleoni-Fieramosca

IMG_6911

Via E. Fieramosca. Qui è presente uno scivolo transennato, purtroppo punta direttamente contro il muro (chiaramente se uno attraversa al semaforo lo fa per andare addosso al muro, per cos’altro sennò?)

IMG_6914

Passi (non) carrabili e gradini

IMG_6916

Marciapiede con scivolo per attraversare, ma non per proseguire!

IMG_6917

Ingresso del deposito ATAC (con gradini)

IMG_6918

Street-art sui piloni della sopraelevata

IMG_6919

Il gradino come elemento di arredo urbano diffuso.

IMG_6920

Via Casilina, sottopasso pedonale di viale Castrense (con gradino!)

IMG_6925

Via Casilina altezza vicolo del Mandrione. La sede stradale a corsia singola si allarga solo per consentire sorpassi azzardati.

IMG_6926

Marciapiede con destinazione d’uso alternativa (impedalabile)

IMG_6930

Via Casilina lato Parco di Centocelle, in prossimità di viale Palmiro Togliatti. Qui una corsia ciclabile extracarreggiata è già presente. L’hanno realizzata per sbaglio, anticipando in parte le nostre proposte… (peccato che la pulizia stradale non ci arrivi e sia disseminata di sporcizia e cocci di vetro)

IMG_6932

Appuntamento martedì 18, ore 18.00 presso il municipio per l’analisi complessiva delle rilevazioni svolte.

Annunci

2 commenti

Archiviato in Aggiornamenti

2 risposte a “Sabato 15 marzo – Seconda ricognizione degli “assi viari veloci”

  1. Abbastanza triste come stato delle opere. Se può consolare, nella provincia emiliana non è che vada tanto meglio: specie nei capoluoghi, ingombri di macchine e di maleducazione. L’unica cosa che ci salva è la presenza delle stradine di campagna (ma questo modello non è proponibile a Roma, né a Bologna).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...